Pubblicato in: #art, #music, Dal quartiere

Carnevale di Scampia 2020: l’inizio di una nuova era

Mai così grande numericamente il carnevale; la storia e la tradizione incontrano le nuove espressioni della festa lungo il corteo

Bussano. Le auto si incolonnano; non sono abituate. Il traffico di solito a Scampia in pratica non esiste, le strade sono troppo larghe. E’ Domenica mattina ora di pranzo, in molti vogliono solo tornare a casa. E allora ci riprovano, ribussano agli agenti della municipale perché si è aperto un passaggio alla rotonda. Ma è una illusione, solo un pò di respiro tra una banda e l’altra. Finiscono di provarci: la coda del corteo di carnevale non si vede nemmeno allungando l’occhio uscendo dalla macchina.

Carnevale-Scampia-2020-1
Le murghe fanno da apripista alla rotonda intitolata alla vittima della criminalità Maurizio Estate, ma è solo la punta di un lunghissimo corteo

“Neanche l’anno scorso era così, mai visto” – commentano lungo la strada. Da tutta Italia si sono aggiunti più di 70 nuovi “murguera“, da queste bande colorate di percussioni e coreografie nate in Argentina proprio per la festa del carnevale. Le classiche bande di città e le danze degli schiavi africani si fondono. Musica, colori e impegno sociale.

La murga di Scampia di chiama “BandaBaleno”. Esistevano sì piccole bande del genere in Italia, ma loro hanno dato uno slancio, le hanno amplificate. Hanno fatto sì che ne prendessero ispirazione altri ragazzi in giro per il paese, creando altre “murghe”, che quest’anno hanno raggiunto un numero mai visto prima. Si sono ritrovati a Scampia e qualcosa è cambiato: i rullanti erano più intensi, i colori più variegati e al centro delle cosidette “case dei puffi” uno spettacolo cosi intenso mai visto.

Carnevale-Scampia-2020-5
Nel “Lotto P” mai percussioni così forti

Fischi, cori, tamburi. Ragazzi stretti in un centro e altri che si avvicinavano. Tutto intorno quasi ipnotizzate le persone assistevano ad uno spettacolo come quando non sai che piega prenderà, semplicemente perché è tutto o quasi nuovo. Un incertezza positiva, un nuovo corso che sta prendendo forma davanti ai tuoi occhi.

Ma non nasce dal niente, è una storia che viene da lontano. Quando non c’era nulla di tutto ciò, quando le strade di Scampia davvero erano deserto, un artista di strada chiamato Felice Pignataro con il suo progetto culturale GRIDAS coinvolgeva maestre, bambini e mamme che preparavano i carri di materiali di recupero, i semplici costumi.

Carnevale-Scampia-2020-4
Gli abitanti di Scampia osservano le maschere tradizionali del GRIDAS ed i cartelloni di denuncia delle scuole

Parte di questi bambini ora cresciuti sono coloro che hanno ideato “BandaBaleno”e, anche se le mamme non sono più in prima fila, loro ci sono ancora. Al loro fianco sfilano però ragazzi che arrivano a Scampia provenienti da tutta la penisola affezionandosi; capita dunque che ritornino, più volte, avendo come loro bussola le associazioni del quartiere e cominciando a riconoscerne i luoghi, le iniziative di Scampia forse anche meglio di qualcuno che ci vive.

E come da 38 anni a questa parte ci sono ancora i carri, le maschere realizzate con intuizioni di riciclo nel laboratorio del GRIDAS dalla vecchia scuola di volontari. Meno protagonisti è vero, ma su i loro volti ci sono sorrisi; contenti di lasciare uno spazio, una eredità, un’idea.

Carnevale-Scampia-2020-6
Il corteo a poco a poco si dirige verso il luogo dove avverrà il falò

Perchè carnevale a Scampia è impegno, è un tema diverso ogni anno: “La riscossa dei pappici, ovverosia tutti insieme che non c’è più tempo”. I pappici, cioè quei piccoli insetti che rosicchiano farina, pane e che corrodono gusci. Perché si vuole rosicchiare quello che non funziona, denunciando ma ricostruendo un quartiere, una città – e non solo – nuova. Ma bisogna fare presto, e quest’anno un’enorme clessidra di cartapesta lo rappresenta.

E’ tempo di concludere. Balli danze e percussioni accompagnano la clessidra al centro. Un enorme cerchio fa spazio a chi prepara per dare il via come da tradizione all’accensione del carro. E mentre il fumo, i colori dei fuochi avvolgono i presenti man mano qualcuno si allontana, Quel qualcuno che si accorgerà che da quest’anno qualcosa è cambiato. E così nessuno se l’aspettava.

Carnevale-Scampia-2020-2
La clessidra di cartapesta viene bruciata a fine corteo; una troupe straniera filma il tutto

Banda Baleno – pagina Facebook

GRIDAS – Gruppo Risveglio dal Sonno – pagina Facebook

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...