Pubblicato in: Arte

Un nuovo artista, il ritratto di Muhammad Ali comparso a Scampia

Ai piedi di un fabbricato il messaggio: l’amore ed il riscatto delle periferie

Scorrono veloci le automobili dall’alto in via Fratelli Cervi, un lungo rettilineo che quando le scuole sono chiuse non presenta altro che qualche dosso a rallentare l’andatura. Bisogna essere accorti per notare qualcosa di diverso, un’ immagine stampata in un anfratto grigio ai piedi della scala A dell’isolato K di via Attilio Micheluzzi. Nessuna firma, nessun riferimento.

Per arrivarci, nella posizione esatta, occorre fare attenzione ai calcinacci. C’è ne sono ancora tanti, alcuni grossi e taglienti. Si nota però la mano dei residenti: pian piano l’associazione “I Pollici Verdi di Scampia” con qualche opera muraria ha già dato segno della sua presenza. C’è ancora tanto da fare ma è proprio questa voglia di rinascita che, inconsapevolmente, lega l’autore dello “stencil” lasciato sul muro ai cittadini del quartiere.

CHEKO-Scampia-5

Chiedo informazioni, a pochi metri altri artisti sono all’opera. Lo conoscono, mi danno indicazioni ed il mistero diventa meno fitto. Mi raccontano che è passato di sfuggita a Napoli, non è della zona. Non ottengo nome e cognome, non servirebbe, lo cerco in rete con il suo pseudonimo: CHEKO’S ART, e si apre un mondo.

Artista grafico, muralista e street artist. Dalla periferia di Lecce CHEKO’S ha visitato Scampia, trovandosi in città per un’evento, accompagnato da un altro artista che il quartiere lo conosce bene ed anche i muri conoscono bene lui. Gianluca Raro ha fatto da cicerone al suo ospite, che ha poi individuato un luogo dove si sentisse a suo agio per lasciare un messaggio.

CHEKO-Scampia-2

Sa bene cosa sono le periferie. Proviene dal quartiere di case popolari 167 B della cittadina pugliese, dove ha contribuito a creare un laboratorio d’arte: la “167 B STREET”. Con problemi simili a Scampia in queste zone trova però più vita reale, anche se di contrasto con un disagio che mi racconta deve essere però un’occasione di riscatto per le nuove generazioni.

E si deve combattere per questo, una lotta per i giovani che devono contrastare gli stereotipi di periferia. Una trasformazione che deve colpire forte, come i colori usati per il suo Muhammad Ali. Un monostencil monocolore, mai realizzato così grande, che squoti l’anima di chi se lo trovasse davanti. Una posizione pronta a combattere ma anche regale, come l’ alloro, che avvolge Ali non nobile di famiglia ma di ideali.

CHEKO-Scampia-4

Un emblema che è il suo cavallo di battaglia: lo si trova nelle palestre popolari, nelle curve degli stadi ad Amburgo. Simboleggia altresì un messaggio antirazzista coincidente con quello esistente già a Scampia, rappresentato anche dalla squadra di calcio “Stella Rossa” che CHEKO’S conosce bene. Ma che va oltre, che vuole stimolare e valorizzare le relazioni umane.

Spera di ritornarci a Scampia, con più calma. Tornerà magari per un qualcosa di più grande da realizzare. Non da ospite, ma solo perché si sentirebbe già a casa.

CHEKO-Scampia-1

Il profilo Instagram di CHEKO’S ART

La pagina Facebook di CHEKO’S ART

Il blog di CHEKO’S ART

La pagina Facebook di Gianluca Raro

Annunci

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...