Pubblicato in: Incontri

Il “Sabato delle idee” torna al Galileo Ferraris

Si torna come promesso a fare il punto della situazione sul quartiere: l’Università di Scampia, la riqualificazione delle Vele e i giovani al centro dell’attenzione

L’intenzione era di ritornare, non di un convegno, uno dei tanti, dove le intenzioni non varcavano la porta e le parole rimanevano sospese dove erano state pronunciate o addirittura cancellate, perchè difficilmente seguite dai fatti.

Nell’auditorium il pubblico erano i ragazzi, poi qualche volto più grande di età che si mischiava alla platea di giovanissimi accompagnati dai loro insegnanti.

Perchè a Marzo non è stata abbattuta neanche una “Vela”? Perchè si sono bloccati i lavori per la nuova sede dell’Università? Domande che nel quartiere in molti si pongono,ma raramente pronunciano perchè disillusi, perchè dietro questi ritardi si pensa ad un abbandono dei progetti,del “tanto poi non si conclude mai nulla”.E allora non c’è la voglia di domandare,di capire.

Questo incontro,o meglio questa serie di incontri cercheranno di ribaltare la visione, o quantomeno, di mantenere alta l’attenzione perchè la “forza mediatica vale più della politica”.

Questo i ragazzi lo sanno,con i loro smartphone accesi, dissuasi dai loro insegnanti perchè pronti a partecipare a convegni in cui non si sentono protagonisti, questa volta alcuni dei loro compagni sono chiamati sul palco a dire la loro,ed è così che si levano gli applausi, i veri applausi di quando qualcuno si sente veramente preso in considerazione.

Diretti, schietti.  Tre alunni salgono al cospetto di direttori, presidenti e magistrati e nei pochi attimi a disposizione sono più concreti di molti monologhi dei più grandi, che quando li si ascolta portano a distrarsi per noia o per le solite parole stampate già più volte su quei quotidiani che pochi di loro leggono di proposito, perchè a loro bastano pochi secondi per esprimersi, anche un like su Facebook ha ormai una valenza che ha un peso più di molte parole.

Stupiteci!” tuona uno di loro rivolto a chi è sul palco, che tra giustifiche di ritardi per imprevisti e esposizione della proprio compito oramai svolto perchè ora “spetta ad altri” rispondono che dopo l’estate qualcosa si muoverà per le Vele, che nel 2019 poi si è pronti a partire con i corsi all’Università. I ragazzi dalla platea ascoltano,osservano. Ma per convincerli ci sarà bisogno di altro.

http://ilsabatodelleidee.it

Annunci