Pubblicato in: Immersi nel verde

Inaugurata la nuova aiuola per la Festa della Primavera 2018

Il mito della Primavera messo in scena per presentare la nuova area verde recuperata, sotto gli occhi dei bambini del quartiere

 

Sono sedute,osservano da lontano. Tre signore su una panchina ricavata da tronchi d’albero si riparano dalla calura grazie alle larghe e generose foglie verdi che lasciano filtrare attenuata la luce tra di esse.

Dal lontano si ascoltano le voci dei bambini delle scolaresche di quartiere. Il prato verde da poco falciato odora di fresco ed è disseminato di giochi in legno di una volta, che li incuriosiscono perché possono sentirli, toccarli, salirci sopra come chi sceglie di provare i trampoli per la prima volta.

Sullo sfondo un piccolo giardino, avvolto da una staccionata bianca che custodisce al suo interno il lavoro dei volontari che hanno aggiunto un altro tassello al piccolo gioiello che è divenuto il parco Corto Maltese.

All’interno semenzai, aiuole di rosmarino e profumi di piante, fiori che seguendo la passerella di ciottoli attraversano il nuovo spazio di verde e si affiancano a chi vuole avvicinarsi per dare uno sguardo, mentre la fontana di un piccolo laghetto di fronte borbotta come un lontano sottofondo quando ci si ferma a guardarla.

Ma è tempo di presentare nel migliore dei modi il lavoro da inaugurare per questa “Festa della Primavera”, oggetto di tante fatiche,cure e attenzioni da parte dei “Pollici Verdi”, l’associazione che ha preso letteralmente per mano un parco che non aveva identità.

Le maestre fanno spazio a gazebo bianchi i quali con la loro ombra custodiranno i bambini che pian piano prendono posizione sotto di essi. E così a poco a poco, da un altoparlante musiche fiabesche introducono con note di magia lo spettacolo.

Il giardino di fronte ai loro occhi diventa un palcoscenico dove ragazzini di pochi anni più grandi di quelli che stanno assistendo fanno rivivere il mito della primavera, la storia di Persefone e dell’annuncio che porta con se dell’arrivo della nuova stagione, della nuova vita dopo l’inverno.

Gli occhi dei più piccoli si fermano a scrutare i personaggi, afferrare il racconto messo in scesa e lo strepitio di applausi sugella nel finale la sua buona riuscita, per la soddisfazione di chi ha lavorato per tutto ciò.

Si è pronti per tornare in classe, non prima però di aver rubato qualche minuto di gioco ancora. Poi via, pronti per la strada che porta a sedersi, questa volta non nel verde ma tra i banchetti a loro familiari.

Potranno tornare nel parco quando vorranno, a pochi passi da casa, con i genitori o con gli amici per ricordarsi di questa giornata, spettatori di un’altra piccola opera d’arte che ha preso forma sotto i loro occhi.

sito Web dei “Pollici Verdi di Scampia”

Annunci